Rotary Club International - Rotary Comacchio, Rotary Migliarino, Rotary Codigoro - Rotary Delta - Rotary Emilia Romagna - Rotary Delta - Club - Iniziative Culturali - Cultura
28/08/2016 00:08:58
Username
    password
    



Regolamento

40° della Fondazione del Club
Verbali delle Assemblee e dei Consigli Direttivi



Calendar



Gestione Soci
Gestione Extra
Gestione Links
Password di ROOT

Social - Facebook - Rotary
 
Mondo in bici








Autore
Giorgio Zinna

Data
01/08/2016

Venerdì 15 luglio 2016 - Ostellato Hotel Villa Belfiore - Conviviale con consorti ed ospiti, relatore della serata Obes Grandini: “La passione di una vita”.
Fiorenzo Zannini, Presidente del Rotary Club Comacchio-Codigoro-Terre Pomposiane introduce così l’ospite:
"Questa sera abbiamo con noi Obes Grandini. Alcuni di voi lo conoscono di vista, di fama o per sentito dire. Per chi non lo conoscesse dico due parole: figlio di agricoltori nasce nel ‘52 a Medelana. Fin da giovane ha sentito il desiderio di visitare terre straniere per conoscere culture diverse e popoli diversi.
Dopo il viaggio giovanile in India pensa di andare in bicicletta fino a Capo Nord, impiega 15 mesi, a questo punto il suo destino è segnato, si innamora di questo modo di viaggiare, a contatto con la natura e iniziano i grandi viaggi. Questa sera d’estate parleremo del viaggio fatto nel 2010 attraverso l’Africa durato 1 anno e 3 giorni."
Così conclude il Presidente:
"Obes durante i viaggi scrive diari che a volte diventano libri. Leggendoli si ha la sensazione di essere dietro la sua bicicletta.
Nel libro “America Latina...” dice: non sono un turista qui solo per divertirmi o per una vacanza, ma un viaggiatore che vorrebbe conoscere le abitudini dei popoli che incontra, un girovago con il desiderio di vivere allo stesso livello della gente comune...."
Con il supporto di belle immagini e fotografie Obes Grandini ci ha illustrato il suo viaggio attraverso l’Africa (20.450 km in sella alla sua vecchia e fedele bicicletta!) da Citta del Capo a Medelana.
Ha attraversato diversi paesi con non poche difficoltà, in primis il problema dei visti a volte negati e per questo è stato anche in prigione. Ha provato l’assalto delle mosche tze tze, la sete e la fame; ha avuto accoglienze festose e meno. In alcuni casi i bambini locali temevano “l’uomo bianco”, ha toccato con mano il modo di vivere, conosciuto usi e costumi di diverse popolazioni africane.
In Ruanda si è fermato sulla tomba di Diane Fossey, che ha difeso i Gorilla di montagna fino a quando è stata uccisa all’età di 53 anni, si pensa dai bracconieri.
E’ riuscito ad instaurare un rapporto di amicizia con persone incontrate casualmente che, pur nella loro povertà, hanno saputo dargli aiuto e sostegno nelle difficoltà.
Le sue parole ed il racconto di esperienze vissute hanno coinvolto ed emozionato i presenti alla piacevole serata.
La descrizione dei luoghi e le particolari situazioni del viaggio sono raccolte nel suo libro-diario “Due Ruote Attraverso l’Africa” , in vendita alla fine della serata.
Ha reso disponibili all’acquisto anche gli altri suoi tre libri: “Nel Grande Nord in bi- cicletta”, “America Latina, un viaggio in bicicletta” e “Dalla Pianura Padana al Tibet” .
(a cura della Redazione del Bollettino del Club)
   
Etichette:
 
     
     
 

- -- --- Webmaster - Migliari Stefano - migliari.stefano@gmail.com --- -- -